venerdì 14 gennaio 2011

Nicht mit mir ! - Non con me !

Qualche settimana fa, al Schiller Verein di Trieste, ebbi il piacere di partecipare all'incontro della presentazione del nuovo libro di Julius Franzot: "Nicht mit mir ! - Non con me !".
Era la seconda volta che assistevo alla presentazione di un suo libro, e pure questa volta mi complimento con lo scrittore, Julius Franzot, di cui apprezzo molto l'acume e la chiarezza d'idee con le quali espone le varie situazioni in cui i protagonisti si trovano, a volte, a loro malgrado coinvolti. Ancor di più ammiro, la cura, mai banale, e il impeccabile zelo della descrizione dei luoghi in cui si svolgono i fatti, ed infine, la sua preparazione nel descrivere l'odierna situazione finanziaria mondiale.
Unico neo è la mia poca conoscenza della lingua tedesca che m'impedisce d'apprezzare in pieno la sua opera, debbo accontentarmi della lettura in italiano che l'autore, bontà sua, fa ogni qual volta presenta un nuovo libro.
Vi lascio il link del sito ufficiale dello scrittore Julius Franzot.


MOBBING – la tecnica moderna del management
Egon è un dipendente della “Torre e Ponte S.p.A.”, una multinazionale chimica e farmaceutica.
Sintomi poco chiari di una dissoluzione della Ditta preoccupano i colleghi. Nuove organizzazioni perseguono apparentemente il solo scopo di ridurre il numero degli occupati senza ricorrere a licenziamenti di massa, che avrebbero un effetto negativo sui giornali.
Improvvisamente è all’ordine del giorno un mobbing mirato, come “misura collaterale”. Egon si ritrova anche lui con il famigerato marchio impresso a fuoco…
Il romanzo descrive in profondità, con humour e qualche strizzatina d’occhio, cosa può fare il mobbing di una persona intelligente e colta, a quali riflessioni sul senso della vita, sulla fede e sulla forma della società in cui viviamo, la induce questa situazione e come reagisce alla fine.
“Non con me” si basa su autentiche esperienze lavorative dell’autore, rimane però un romanzo, una finzione. Trama, fatti e persone sono inventati. Soltanto la cornice, l’incertezza delle persone coinvolte e la poca chiarezza nel formulare le vere prospettive per ditta e dipendenti hanno valenza storica. L’autore scrive ancora oggi sul tema attuale del mobbing in articoli e glosse sulla politica e l’etica nell’economia.